Il sito è aggiornato a Dicembre 2017

Lo Showroom del carrello saliscale   elettrico in Italia .

showroom del carrello saliscale elettrico a Bossolasco
showroom del carrello saliscale elettrico a Bossolasco

Carrelli per la casa

Carrelli per il lavoro .

In foto la salita sul furgone di una stufa da 250 Kg con il saliscale Maxi 250 AR Plus TCS
carrello per stufe saliscale elettrico Maxi 250 AR Plus

Carrello a mano Scendiscale .

Carrello scale elettrico per arpa .

Il modello di arpa da concerto è disponibile da ora per gli arpisti  nello Show Room Elviotrolley
Il nuovo carrello saliscale elettrico universale per grandi arpe da concerto

Le scale

Semplicità e bellezza architettonica immutabile
Antiche scale

Un ambiente armonioso caratterizzato da semplici scale  . 

Scalini  ed  insediamenti  umani  sono  comparsi  assieme  nella  notte dei tempi ,

le scale poi sembrano aver avuto una evoluzione parallela a quella dell' umanità che continua ancora oggi nella molteplicità delle architetture moderne .

Forse proprio scale e scalini sono stati i primi elementi architettonici che l' uomo ha messo in atto per il proprio uso iniziando il  percorso di costruttore ... lascio però il proseguo di questo discorso alle vedute di ognuno in quanto è infinito ...

Penso che le scale come ogni scoperta e invenzione umana abbiano risolto certi problemi ma ne abbiano creati altri e questa realtà è evidente ancora ai giorni nostri .

Chi come me si dedica alle macchine saliscale forse va a cercare la soluzione di problemi ormai millenari che solo l' attuale tecnologia elettromeccanica può risolvere .

Per pensare alle macchine saliscale in modo tecnico occorre dunque avere a mente la tecnica delle scale e questa come tutte le scienze è fatta di misure .

Le misure delle scale sono moltissime  se  le  analizziamo  in  funzione delle  forme e disegni mentre il campo si restringe in funzione dell' ergonomia , in quanto le scale hanno dimensioni antropometriche .

Tornando  alla  meccanica  dei saliscale  è  - logica della tecnica -  mettere  al  primo  posto le misure antropometriche  ossia di , alzata , pedata , passo .

Una  macchina saliscale  sarà più performante quanto più terrà conto di queste misure ed in particolare del  -  passo -

Nella pratica come tutti sanno le alzate degli scalini si realizzano in media tra i 17 ed i 19 cm e le pedate sono comprese tra i 25 ed i 30 cm , ma  quale  misura  ha il passo ossia la distanza tra gli scalini ? 

Per  corrispondere  alle necessità  del corpo  umano il passo si deve aggirare tra i 30 ed i 35 cm ,

le eccezioni si traducono in scalinate  scomode  irrazionali  o pericolose. 

 

 

Guardate  con  attenzione la foto di sinistra ingrandita  si noterà  che  gli spigoli degli scalini sono  vistosamente consumati in una zona limitata  perchè è lì   che questo particolare tipo di gradinata a geometria variabile ha la giusta misura del passo per l' uomo !

il passo delle scale .. questo sconosciuto ..

Tornando ora al discorso delle macchine saliscale a ruote che è quello che mi compete  vediamo l' aspetto del passo analizzando alcune misure , per fare questo sono necessarie le seguenti figure :

 

In fig.1 , sono confrontate le misure di una normale scala e una normale stella saliscale 

come si vede sono due cose con  passi  diversi .

  

In fig.2 , si vede come dovrebbe essere  una stella di ruote del giusto passo 

in realtà questa non risulterebbe una soluzione  meccanica  applicabile e quindi ci si limita  al miglior  compromesso   possibile  impiegando  stelle di ruote del tipo di quella in fig. 1.

 

La stella di ruote risulta performante su scale a passo corto o che si avvitano mentre lo è di meno sulle gradinate normali in quanto 

ad ogni gradino  l'operatore dovrà recuperare la distanza che manca al giusto passo ; 

a salire dovrà sempre esercitare una trazione contro gli scalini per recuperare la mancanza di passo ,

a scendere dovrà sopperire andando in avanti quel tanto che serve .

scale moderne?

La tecnologia moderna si sbizzarrisce nella creazione di scale di qualsiasi forma nei più disparati materiali che realmente non tengono troppo conto della praticità a cui dovrebbero sottostare .

Per i carrelli saliscale queste offrono sempre nuove difficoltà , misure costrette , manovre a rischio fino al limite di impraticabilità totale  

così  bisogna  mettere  in conto che nessun  carrello saliscale è utilizzabile  sul 100% delle scale .

il carrello Ipociclo è sicuramente il più svantaggiato su questi tipi di scale ma ne può percorrere comunque una buona percentuale che rientri nelle misure di larghezza e raggio .

Facendo un ragionamento razionale si può dire che di scale particolarmente difficili dove si debba portare delle cose che richiedono l' utilizzo di un saliscale ne esistono  un 10% 

ammettendo poi che di queste l' Ipociclo ne percorra almeno un 2% e che altri sistemi saliscale arrivino all' 7 % , queste determineranno una differenza media sul totale di utilizzo di  circa un 5% , ossia non è affatto uno dei fattori più importanti per la valutazione di un carrello saliscale rispetto ad un altro . 

i pianerottoli

In  un  modo o nell ' altro  non esiste scala che non abbia pianerottoli  e  questi sono fonti di ulteriori problemi per le macchine saliscale e per chi le usa . 

Da sempre constato che su questi , problemi , i costruttori e venditori di saliscale non facciano troppa pubblicità , anzi  preferiscono  eludere l' argomento .

Ma a mio parere  gran parte  della   percentuale di utilizzo favorevole dei carrelli saliscale  si gioca proprio sui pianerottoli !

 

Dire che un carrello passa perchè ha poco ingombro di per se stesso non è significativo   perchè in realtà

lo spazio necessario è quello per manovrare col carico e il corpo dell'operatore . 

Così gioca un ruolo importantissimo l' inclinazione di lavoro del carrello che come si noterà è tipica per ogni sistema meccanico impiegato , logicamente più un carrello ha bisogno di inclinazione per essere governato e maggiore sarà lo spazio necessario sui pianerottoli . 

Ho constatato che solo negli ultimi anni alcuni costruttori del settore si sono impegnati seriamente a migliorare le loro macchine su questo fronte  con evidenti sforzi realizzativi e concorrenziali  , mi chiedo però perchè ci sia voluto tanto tempo per farlo e se questo ritardo non abbia anche compromesso a volte la buona fama della categoria . 

Alcune figure esplicative

una sequenza schematica di cosa intendo per lavorare sui comuni pianerottoli .
Lavorare sulle scale con un carrello che ha " un centro di equilibrio permanente "

Sequenza  sulle  scale e  sul pianerottolo  avente  profondità di 95 cm . contro la parete  

con  un carrello ipocicloide  e un carico  di dimensioni  60 x 90 cm .

( notare il punto di baricentro in rosso  )  Il carrello ha un normale manico  telescopico e diritto.

I pianerottoli  nella realtà , sono questi .

Una sequenza schematica per spiegare cosa intendo per - tribolare -  su comuni pianerottoli .
Lavorare sulle scale senza il centro di equilibrio permanente " e con inclinazioni del carico accentuate !

Lo stesso pianerottolo e lo stesso carico da salire  ma ... qualcosa è cambiato .

Come si vede sopra l' operatore si troverà in forte difficoltà sul pianerottolo a causa del notevole spazio di manovra necessario ai saliscale dal funzionamento molto inclinato . Si perderà tempo e si farà fatica a manovrare pesi anche di soli 100 kg , molte volte in questo caso occorrerà essere aiutati da qualcuno esperto ma non sempre disponibile .

La clientela si evolve e ... matura .

Col progredire della clientela e evidente come i costruttori abbiano dovuto progredire anch' essi e questo significa che le problematiche prima o poi vengono fuori man mano che il mercato matura .

Posso affermare  essendo uno degli ultimi arrivati sul mercato che le mie macchine si sono trovate fin dall' inizio a  doversi confrontare  con prodotti  ormai pluri decennali senza nascondere nulla e dichiarando chiaramente i loro limiti .

 

La mia clientela  ritiene che di per se stesso il sistema Ipociclo saliscale è già risolutivo negli usi della pratica quotidiana da non richiedere ulteriori accorgimenti meccanici .

 

Di fatto non mi vengono richiesti dispositivi aggiuntivi quali

sollevatori o manici sagomati .

Forse non è solo una battuta dire che :

il sistema  IPOCICLO  ha il passo a misura della gamba !